22 luglio 2014

STONER: IL PIU’ FORTE DELL’ERA 800GP: 33 VITTORIE, 2 TITOLI CON 2 MOTO DIVERSE.

ducati stoner piegaCasey Stoner è stato il pilota più veloce della breve era delle “difficili” 800GP. L’australiano pilotando Ducati (2007-2008-2009-2010) e Honda (2011) ha ottenuto ben 33 vittorie con 2 titoli iridati con 2 moto diverse (appunto Ducati e Honda).

Tra i suoi primati:

1° vincitore di un titolo iridato con Ducati nella storia del Marchio.

1° vincitore di un titolo iridato con una Honda in cilindrata 800.

Pilota con maggior numero di vittorie.

Unico pilota a vincere con 2 moto diverse durante le 800GP

Unico pilota ad aver vinto con 3 telai diversi durante le 800GP (traliccio, carbonio (Ducati). Alluminio (Honda).

Valentino Rossi segue Stoner in questa classifica con 2 titoli iridati nell’era 800GP ma con un minor numero di vittorie (21) ottenute con una sola moto, la Yamaha.

 

22 luglio 2014

MOTOGP: YAMAHA-TECH3 CONFERMA POL ESPARGARO. SMITH IN FORTE DUBBIO.

espargaro tech 3Dopo Ducati, Yamaha (escluso Lorenzo), Honda e Suzuki anche il team francese Yamaha-Tech3 inizia a mettere le basi per la prossima stagione. Scontata la firma di Lorenzo con Yamaha Factory, Pol Espargaro rimarrà con Tech3 anche nel 2015 aspettando uno spiraglio per entrare nel team ufficiale  (opzione che aveva già questa stagione se Rossi o Lorenzo fossero andati via).

Incerto invece il futuro di Bradley Smith, uno dei piloti più enigmatici degli ultimi tempi. Bradley è arrivato in MotoGP, pur non avendo vinto nulla, letteralmente “cresciuto” dal boss di Tech3 Poncharal salvo poi deludere le attese del team.

Il britannico è praticamente a piedi per la prossima stagione e si sta guardando in giro, plausibile un suo ritorno in Moto2 dato che anche Aprilia sembra aver scelto il proprio line-up in vista del 2015 con Bautista e Laverty.

 

 

21 luglio 2014

ROSSI: 3 VITTORIE NEGLI ULTIMI 5 ANNI. LORENZO 27. STONER 18. MARQUEZ 15.

rossi pensieroValentino Rossi ha da poco rinnovato il contratto con Yamaha per correre ad Iwata per altri 2 anni. Tanti appassionati si sono chiesti il perchè del prolungamento del contratto alla luce dei risultati di Valentino, non sempre all’altezza del suo nome e del suo blasone.

Togliendo simpatie ed antipatie per il 9 volte campione del mondo analizziamo il suo rendimento attraverso i numeri delle ultime 4 stagioni e mezzo, ovvero da quando prova a vincere il 10° titolo iridato.

2010 Yamaha: 2 vittorie, infortunio Mugello per un totale di 4 GP saltati.

2011 Ducati: 0 vittorie

2012 Ducati: 0 vittorie

2013 Yamaha: 1 vittoria

2014 Yamaha (in corso): 0 vittorie

totale: 3 vittorie.

Lorenzo: 26 vittorie nello stesso periodo

Pedrosa: 17 vittorie nello stesso periodo

Stoner (ritirato a fine 2012): 18 vittorie (infortunio nel 2012, 3 GP saltati)

Marquez (in MotoGP dal 2013): 15 vittorie

Rossi ha fatto peggio di Lorenzo, Pedrosa e persino di Stoner che si è ritirato da una stagione e mezza e ovviamente di Marquez.

Da quando le MotoGP sono tornate 1000cc Stoner (ritirato) vanta 5 vittorie. Rossi (in attività) 1 vittoria (Assen 2013 su Yamaha) quest’ultimo dato segnala un calo di rendimento da parte di Valentino piuttosto importante. Pur non essendo “lento” il 46 non riesce più a battere gli avversari diretti.

 

21 luglio 2014

MOTOGP: APRILIA IN MOTOGP CON BAUTISTA E LAVERTY NEL 2015!

laverty 2012Dopo la Suzuki (Vinales – Espargaro) anche l’Aprilia, in vista del grande ritorno nel 2016, si muove sul mercato piloti. Secondo  Speedweek la Casa veneta starebbe per ingaggiare Bautista (ex Honda-Gresini) e l’ex Eugene Laverty.

Alvaro Bautista, lo sappiamo, non verrà riconfermato dal team di Fausto Gresini che passerà la sua Honda RC213V a Redding mentre il secondo pilota dovrebbe essere Rea dalla WSBK.

Laverty da mesi cercava un posto in MotoGP e, sfumata l’occasione Suzuki che l’irlandese aveva provato le scorse settimane, riappare quella Aprilia, factory da sempre nel “cuore” di Eugene. Il pilota irlandese in passato ha corso tra i prototipi con Aprilia nella classe 250GP su di una moto privata.

Aprilia il prossimo anno, essendo una factory, correrà con le deroghe “Factory/Open” di cui gode la Ducati quest’anno. Stesse deroghe verranno estese al team Suzuki.

21 luglio 2014

MOTOGP: VINALES IN MOTOGP CON LA SUZUKI NEL 2015!! CON LUI ESPARGARO.

vinales moto2 2014La notizia non è un fulmine a ciel sereno, ma quasi…L’ex campione del mondo Maverick Vinales (19 anni appena) piloterà il prossimo anno la Suzuki in MotoGP insieme ad Aleix Espargaro (che così lascia il team Forward).

Vinales, campione del mondo Moto3 nel 2013 con KTM, balza in nella top class dopo un solo anno di apprendistato in Moto2 (una vittoria, 3° posto in classifica generale attualmente).

Diverso il discorso per Aleix Espargaro, da anni il più veloce tra i piloti privati. Campione classe CRT nel 2013 con l’Aprilia del team Aspar, saldamente al comando della classifica Open quest’anno con la Yamaha di Forward) Aleix ha dunque finalmente la possibilità di dimostrare tutto il suo valore in sella ad una moto ufficiale.

I due piloti non hanno ancora firmato ma ormai sarebbe solo una formalità. Rimangono fuori Laverty e De Puniet.

SPONSOR BY WRS.SM | RACING PARTS

20 luglio 2014

MOTOGP: DOVI E CRUTCHLOW CON DUCATI ANCHE NEL 2015! IANNONE CON PRAMAC

dovi qatar 2014 3Il mercato piloti ha piazzato, in occasione del WDW di Misano, altre due pedine importanti: Andrea Dovizioso ha firmato per altri 2 anni e rimarrà a Borgo Panigale per tutto il 2015 e 2106 mentre Cal Crutchlow ha fatto valere la sua opzione ed ha confermato la sua presenza tra le fila del team bolognese anche per la prossima stagione.

A questo punto Andrea Iannone, che aveva prolungato il suo rapporto con Ducati nelle scorse settimane, piloterà la Ducati GP15 ufficiale “appoggiato” al team Pramac (esattamente come quest’anno), il suo compagno di team sarà Hernandez.

Il mercato 2015 prometteva fuoco e fiamme ed invece è stato un fuoco di paglia. Manca solo la firma di Lorenzo a questo punto. Jorge o rifirma con Yamaha o va in Suzuki, la seconda opzione è fantascienza, quindi…

A questo punto rimane il mistero: chi saranno i piloti Suzuki per il 2015? Il team di Davide Brivio ha in pratica “perso” tutti top rider disponibili.

SPONSOR BY WRS.SM | DUCATI RACING PARTS

19 luglio 2014

DUCATI-PASSIONE ITALIANA! LA STORIA DI DUCATI DA COLLEZIONARE E CUSTODIRE!

Gazzetta_Ducati_Passione_ItalianaMentre la Romagna si tinge di rosso Ducati grazie al WDW 2104 scattato venerdi 18 Luglio al Misano World Circuit “Marco Simoncelli” di Misano, la Gazzetta Dello Sport lancia un iniziativa che non potrà che far piacere ai ducatisti chiamata: Ducati-Passione italiana.

Un raccolta di 8 volumi dedicati alla moto bolognese (anzi di Borgo Panigale!) ed ai suoi 88 anni di vita. Dagli esordi del Cucciolo, sino ad arrivare alla 1199 Panigale Superleggera passando per i titoli in WSBK di Fogarty, Bayliss e Checa senza dimenticare il grande Casey Stoner in MotoGP, ed il presente targato Audi.

Ducati-Passione Italiana (#ducatipassioneitaliana) è opera delle più importanti ed autorevoli firme della Gazzetta Dello Sport, giornalisti che hanno avuto il privilegio, durante la creazione degli 8 volumi, di conoscere a fondo i segreti di Borgo Panigale, segreti introdotti da Umberzo Zapelloni,che ora troviamo in una collana dalle fattezze eleganti, motivo in più per collezionarla ed esibirla nella libreria del nostro soggiorno!

E’ possibile acquistare la collana completa al prezzo di 103,00 euro tramite lo store della Gazzetta Dello Sport CLICCANDO QUI  oppure acquistare i singoli volumi al prezzo 12,99 comodamente in edicola!

 

 

16 luglio 2014

MOTOGP: ECCO LA NUOVA HONDA RC213V MY 2015

marquez nuova hondaCi ha messo due cadute per arrivarci (i segni son ben evidenti sulla tuta…) ma Marc Marquez è finalmente in sella alla nuova Honda RC213V, la MY 2015 a Brno durante una 3 giorni di test privati riservati al team Honda-HRC

Come sempre in casa Honda si prosegue sotto il segno della continuità e la MY2015 è praticamente identica alla MY2014 a livello estetico (mentre a livello tecnico solo Honda sa cosa cambia…).

La MY 2015 sarà l’ultima a doversi “adattare” alle gomme Bridgestone che ben presto faranno posto alle Michelin. Il gommista francese lavorerà su cerchi da 17 pollici (in luogo degli attuali 16.5) e costringerà le Case a cambiare le proprie ciclistiche (questo perchè si cerca di contenere i costi, ovviamente…) a quel punto “potrebbe” arrivare una nuova RC, magari la 214. Vedremo.

Intanto Marc lavora per la seconda volta su una RC costruita su misura per lui dopo la 2014 (nel 2013 ha infatti pilotato un mezzo nato per le esigenze di Stoner e poi adattato a lui).

16 luglio 2014

MOTOGP: 2 CADUTE PER MARQUEZ AI TEST PRIVATI DI BRNO

marquez crash a brno test 2014Il team Honda-HRC Repsol è a Brno (Repubblica Ceca) per una 3 giorni di test privati. Purtroppo il clima sta un po rovinando la festa ai ragazzi di HRC, infatti la pioggia ha reso molto insidioso il già difficile tracciato ceco e ha creato qualche problemino a Marquez.

Il demonio è infatti caduto sia ieri che oggi mentre testava la nuova Honda RC213V MY 2015 e la metteva al confronto con la MY2014 attuale.

Nessuna conseguenza fisica per lui, un po malconcia invece la sua Honda!

Foto by Matthew Birt, Twitter @birtymotogp

 

16 luglio 2014

MOTOGP: REPSOL ED HRC INSIEME PER ALTRI 3 ANNI. ED UN MITO DA SFATARE.

marquez qatar 2014Il team Honda-HRC e la compagnia petrolifera spagnola Repsol hanno siglato un accordo che rinnova la loro partnership iniziata ormai nel lontano 1995. I due marchi, vere e proprie icone del motociclismo moderno, staranno insieme per altri 3 anni.

Vale la pena ricordare i titoli ottenuti dalle Honda-HRC in livrea Repsol grazie a Mick Doohan, Alex Criville, Valentino Rossi, Nicky Hayden, Casey Stoner e Marc Marquez.

Nonostante sia stata spesso “accusata” di favorire i piloti spagnoli, la compagnia petrolifera iberica ha colto il titolo iridato con soli 2 spagnoli (Criville e Marquez) mentre ben 4 piloti non iberici hanno ottenuto almeno un campionato mondiale sfatando un mito che è più una diceria quindi.

Curiosamente il pilota che ha ottenuto più vittorie, senza mai ottenere un titolo è proprio uno spagnolo: Dani Pedrosa.

Tra i piloti che hanno “vestito” la livrea Repsol ricordiamo Max Biaggi (controversa la sua permanenza all’interno del team HRC), Alex Barros, Sete Gibernau, Shinichi Itoh (collaudatore), Tady Okada, lo sfortunato Takuma Aoki, la wild card Johnny Rea (sostituto di Casey Stoner).

 

9 luglio 2014

MOTOGP: GP DI AUSTRIA AL RED BULL RING? SICURO NO! FORSE…SI!

bradl red bullL’Austria, una delle nazioni europee più motociclisticamente frequentate d’Europa grazie alla vicinanza con Italia, Svizzera e Germania chiede a gran voce un proprio GP…Ma la Dorna non ci sente o, fa finta di non sentire.

Il Red Bull Ring appartiene alla Red Bull (società che, come sappiamo, non ha certamente problemi di budget) ed ha di recente ospitato con notevole successo di pubblico e critica il GP di Formula 1. E’ un impianto totalmente ristrutturato e modernissimo, perfettamente integrato con l’ambiente (il Signor Red Bull ha persino ristrutturato a proprie spese le abitazioni zona per migliorare l’aspetto del circondario ed evitare polemiche sul…Rumore) adatto ad ospitare ogni tipo di competizione motoristica o quasi…

Infatti secondo la Dorna i cordoli sarebbero troppo alti e non sicuri per le moto…Certo i cordoli si possono smontare e cambiare, non è certo questo il problema…Ed i problemi non arriverebbero neppure dalle TV che anzi al contrario, desiderano il GP di Austria al Red Bull Ring…

Cordoli o non cordoli, tv o non tv la Dorna nel 2015 vorrebbe un campionato composto da 18 gare per la MotoGP (spinta anche dai team su questo versante) e quindi sembra sfumare l’ipotesi di un GP di Austria…O forse no dato che le TV lo desiderano?

9 luglio 2014

APRILIA: NEL 2015 LA NUOVA RSV4. ARRIVA UN MOTORE PIU’POTENTE.

aprilia rsv4 misano 2014Presentata nel 2009, la RSV4 a livello commerciale è stata di anno in anno aggiornata senza mai essere stravolta. Il pacchetto elettronico aPRC (elettronica) è stato oggetto di upgrade costanti mentre solo di recente è stato introdotto l’ABS sportivo ed un nuovo serbatoio per modificare leggermente la posizione in sella del pilota, nulla di eclatante per una moto tecnicamente avanzatissima ma esteticamente mai convincente (in special moto la zona del cupolino caratterizzata dal triplo faro mai troppo gradito…).

Il 2015 sarà l’anno della svolta secondo i piani di Noale. La RSV4 riceverà un nuovo e più potente motore. Il nuovo propulsore sarà pensato per seguire il nuovo corso regolamentare della WSBK chiamato EVO e sarà quindi molto evoluto già di serie (in virtù del fatto che non sarà più possibile elaborarlo in un secondo tempo).

Poco o nulla invece si sa riguardo la parte estetica, diamo per scontata una rivisitazione della zona del cupolino e delle carenature per “marcare” il cambiamento generazionale e staccare con il passato.

Curiosamente, mentre si parla della nuova RSV4 si parla anche di un ritiro di Aprilia con il team ufficiale dalla Superbike per concentrarsi sulla MotoGP a partire dal 2016…

9 luglio 2014

MOTOGP: DANI PEDROSA FIRMA CON HONDA-HRC PER ALTRI 2 ANNI.

pedrosa sepang 2Un altra pedina chiave del mercato 2015 si sistema. Dani Pedrosa non andrà in Suzuki, rimarrà con il suo attuale team per altri due anni e farà coppia con Marc Marquez al team Honda-HRC.

Dani ha scelto di rimanere con la Casa che lo ha seguito sin dagli inizi della sua carriera e alla quale ha regalato 3 titoli iridati ( 1 in 125GP e 2 in 250GP).

7 luglio 2014

APRILIA IN MOTOGP CON…BRADL E LAVERTY NEL 2016?

bradl braccio in piega 2014Mentre il mercato 2015 sta piazzando i suoi top rider (Marquez con Honda, Rossi con Yamaha e Iannone con Ducati) alcune case iniziano a tessere le tele guardando al 2016, è questo il caso dell’Aprilia che proprio tra 2 anni tornerà nella massima serie riservata ai prototipi (lasciando la WSBK? Questo attualmente non è dato saperlo…).

La Casa veneta sta iniziando a guardarsi in giro, e con ragione! I contratti firmati nel 2014 scadranno a fine 2016 (tranne gli annuali, ma in genere i top rider firmato biennio per biennio) quando l’Aprilia sarà in MotoGP già da un anno, logico quindi andare a puntare i piloti in scadenza di contratto sin da ora.

Nel mirino di Noale sembrano essere finiti Bradl (ancora senza una moto per il 2015) e l’ex pilota Aprilia in WSBK Laverty (che però è attirato in MotoGP sia da Ducati che da Suzuki per il 2015).

Il nome di Bradl è stato fatto da “Speedweek”, un quotidiano sempre molto informato quando si parla di piloti di lingua tedesca ed è quindi attendibile.

Ricordiamo che se Lorenzo dovesse firmare nuovamente per Yamaha un altro giovane talento si “libererebbe”, stiamo parlando di Pol Espargaro che ha la facoltà di diventare free agent a fine 2014…

7 luglio 2014

MXGP: SVEZIA, IMMENSO CAIROLI, E SONO 70 VITTORIE PER IL PILOTA KTM!

cairoli 2014 maggioraCairoli risponde al momento di “presunta” crisi (detto dagli avversari, mica da lui…) centrando una bella doppietta in Svezia! Il siciliano, in sella alla sua fida KTM 350SX-F ha infatti dominato sia la prima che la seconda manche andando a cogliere la 70esima vittoria e, complice la caduta di Desalle  riesce pure ad allungare in campionato.

Desalle è stato vittima di una caduta durante le prime fasi della seconda manche riportando una forte botta al costato, caduta che non solo gli è costata il GP di Svezia,  ma anche il 2° posto in classifica generale a tutto vantaggio di Van Horebeek (Yamaha) ora 2° alle spalle di Cairoli.

Rimanendo in tema di generale ecco i numeri dei primi tre: 1) Cairoli (KTM) 527. 2) Van Horebeek (Yamaha) 482. 3) Desalle (Suzuki) 470.

Nella MX2 vittoria in solitaria del “solito” velocissimo ed implacabile Herlings (KTM)

7 luglio 2014

ON TRACK!!! PINZE BREMBO RACING: ALLUMINIO E TITANIO PER…4300 EURO! BY WRS.SM

Brembo CNC radiali.Da Brembo arrivano una coppia di pinze racing realizzate con tecnologia CNC di altissimo livello, ideali per l’uso in pista a livello amatoriale quanto agonistico: le P4 34 monoblocco con interasse 108mm.

Ricavate dal pieno e completamente in alluminio le P4 34 vantano pistoncini in titanio e viteria in titanio per ridurre al limite il peso  che è di soli 660 grammi comprese le pastiglie(ricordiamo infatti che al pari del piedino forcella, del perno ruota, delle ruote e dei dischi le pinze freno sono masse non sospese).

Tanta tecnologia e tanta cura costruttiva si pagano a caro prezzo: ben 4300 euro per portarsi a casa questo gioiello di alluminio e titanio…Se anche con queste avete problemi di frenata alla San Donato del Mugello, ecco probabilmente il motociclismo non è il vostro sport…

In vendita presso lo store WRS.SM! Per info ed ordini CLICCATE QUIPer info tecniche visitate il sito ufficiale di Brembo.

Articolo commerciale scritto da MBR Comunicazioni | Società specializzata nel web marketing nel motorsport. mbrcomunicazioni@gmail.com

 

7 luglio 2014

WSBK: PORTIMAO, DOPPIETTA BIMOTA TRA LE EVO IN RACE 2 CON BADOVINI ED IDDON!

portimao bimota badoviniLa Race 2 di Portimao, caratterizzata dall’asfalto bagnato e dai tanti colpi di scena, ha regalato al team Alstare Bimota una bella doppietta nella speciale classifica riservata alle WSBK classe EVO. Badovini ed il britannico Iddon infatti si sono classificati rispettivamente al 1° e 2° posto, ecco i loro commenti affidati direttamente all’Ufficio stampa del team Alstare:

Ayrton Badovini – Gara 1: 3° (EVO), Gara 2: 1° (EVO)

“Non sono così contento della mia prima manche, perchè mi mancava il giusto feeling con la gomma posteriore e quindi la gara non è stata facile. E’ stata una mia scelta e forse ho sbagliato. Gara 2 era bagnata ed ho avuto un buon feeling fin da subito. La mia confidenza è cresciuta giro dopo giro e i miei tempi miglioravano ed erano simili a quelli di alcuni dei piloti nella classe Superbike. Avevamo cambiato la moto per la seconda gara, e anche se non era perfetta, era molto buona e riuscivo a gestire abbastanza bene le difficili condizioni della pista. So che potrà sembrare strano ma mi sono divertito, nonostante la pioggia, ed è stato fantastico essere la prima moto EVO. Stiamo imparando sempre di più a conoscere la nostra moto, ogni volta che usciamo in pista, e sono soddisfatto dei progressi che stiamo facendo. Non vedo l’ora di fare le prossime gare.”

Christian Iddon – Gara 1: 4° (EVO), Gara 2: 2° (EVO)

“Penso che gara 1 sia stata ottima per me e sono molto felice perché i miei tempi sul giro sono stati costantemente veloci. Credo che avrei potuto vincere nella classe EVO, ma ho avuto un paio di sfollate che mi hanno rallentato un po’. Era bello poter lottare con i piloti EVO più veloci e questo dimostra quanti progressi abbiamo fatto. Gara 2 è iniziato sotto la pioggia e quando la pista era completamente bagnata la moto si comportava in un modo fantastico! I tempi sono venuti facilmente e mi sono divertivo. Una volta il cambio è andato in folle entrando nella prima curva e ho perso qualche posizione, ma poi ho spinto forte per recuperarle. La pista cominciava ad asciugarsi un po’ ed era più difficile guidare la moto; ho cominciato a soffrire per problemi di grip. Senza quelli, sono sicuro che avrei potuto lottare per la prima posizione EVO, e forse ottenerla!”

7 luglio 2014

WSBK: PORTIMAO, GIUGLIANO SUL PODIO (COMUNICATO UFFICIALE)

giugliano portimao 2014Ducati lascia Portimao con il sorriso nonostante la pioggia (o per merito della pioggia se vogliamo…!). In gara 2, complici i contatti in pista (Melandri/Guintoli) i ragazzi di Borgo Panigale sono riusciti ad occupare 2 dei 3 posti disponibili sul podio con Davide Giugliano ottimo secondo e Chaz Davies terzo. Leggiamo proprio le parole di Davide grazie al comunicato ufficiale del team scritto da Heather Watson:

“Sono veramente contento. Dopo gara uno ero fiducioso che, anche sul asciutto, avrei potuto fare bene e piazzarmi almeno nei primi cinque. Dopo alcuni problemi emersi stamattina nel warm-up, abbiamo capito in gara 1 cosa fare per sistemare la moto per la seconda manche. Alla fine però la seconda gara si è corsa su pista bagnata, ed è andata bene anche così. Sul bagnato c’è sempre bisogno di essere un po’ cauti, quindi i primi giri li ho presi con calma. Era difficile anche perché non si vedeva tanto… Poi nella fase centrale ho cominciato a fare dei sorpassi, trovando un buon passo. Negli ultimi giri ho diminuito leggermente il mio ritmo, perché non volevo sbagliare niente. Sono tanto contento per il secondo posto, soprattutto per la mia squadra e per tutti i ragazzi che stanno lavorando molto a Borgo Panigale. Ringrazio tutti quanti.”

SPONSOR BY WRS.SM | DUCATI RACING PARTS

7 luglio 2014

WSBK: PORTIMAO | RACE, VINCONO SYKES E REA! DUCATI SUL PODIO!

wsbk portimao 2014 reaIl GP di Portimao (Portogallo) ha avuto un solo grande protagonista: il clima variabile. Il piloti WSBK hanno trovato l’asfalto sostanzialmente asciutto (tranne qualche goccia di pioggia) nella Race 1 vinta da Tom Sykes (Kawasaki KRT) e completamente bagnato in una emozionante ed incerta Race 2 vinta da Rea (Honda).

Se nella Race 1 la vittoria di Sykes è assolutamente netta e cristallina con Guintoli (2°) e Baz (3°) sul podio lo stesso non è accaduto nella Race 2. I ragazzi Aprilia erano sicuramente i più veloci in pista ma un “errore” di Guintoli ha estromesso il proprio compagno di team Melandri dalla lotta per la vittoria. La vittoria è così “caduta” nelle mani di un consistente Rea (Honda) alla quarta vittoria stagionale con le Ducati sul podio grazie a Giugliano 2° e Davies 3°.

Per Melandri, in netta ascesa a livello di classifica, arriva uno zero pesantissimo mentre Guintoli, ripartito, ha concluso 7° davanti a Tom Sykes giunto 8°.

CLASSIFICA COMPLETA RACE 1

CLASSIFICA COMPLETA RACE 2

La classifica generale, quando rimangono da assegnare 250 punti (10 manche, 5 GP) vede al comando Sykes con 284 punti seguito da Guintoli a -43. Seguono Baz a 236 punti, appena 1 punto in più di Rea a quota 235.  Melandri è 5° con 192 ed ormai quasi del tutto fuori per la lotta all’iride.

Prossimo round a Laguna Seca (USA) tra una settimana.

4 luglio 2014

IANNONE RINNOVA CON DUCATI. SARA’ NEL TEAM FACTORY SE CRUTCHLOW LASCIA.

iannone argentina 2014Andrea Iannone e Ducati saranno ancora insieme nel 2015. La Casa bolognese ha deciso di rinnovare (giustamente) la fiducia al giovane pilota di Vasto, Andrea piloterà una D16 ufficiale al 100% (cosa che già fa) ma ancora non se ne conoscono i colori…

Se Cal Crutchlow (in trattativa con la Suzuki) deciderà di far valere la sua opzione con Ducati allora Andrea rimarrà al team Pramac, viceversa vedremo l’ex pilota Moto2 all’interno del team ufficiale.

Quest’ultima ipotesi libererebbe una Ducati “buona” al team Pramac con Laverty (pilota molto stimato da Dall’Igna) tra i più seri candidati.

SPONSOR BY WRS.SM | DUCATI RACING PARTS

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.488 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: